Lo spesometro

Sta per cominciare una vera e propria rivoluzione in tema di lotta all'evasione fiscale.

L'agenzia delle Entrate, infatti, è ormai pronta, con lo strumento dello spesometro, a passare al setaccio tutte le principali spese dei contribuenti per il 2013, e non solo quelle di lusso.

Tra il 10 e il 22 aprile 2014, chiunque abbia venduto beni o servizi ai cittadini italiani, pertanto imprese, professionisti, commercianti e artigiani, dovrà comunicare al Fisco le cessioni effettuate in favore di privati per importi pari o superiori a 3.600 euro.

I dati saranno poi usati per accertare con il redditometro chi ha speso più di quanto ha dichiarato.

Successivamente, entro il 30 aprile 2014, gli operatori finanziari dovranno segnalare gli acquisti sopra i 3.600 euro pagati con bancomat o carta di credito.

Nello spesometro rientrano, dunque, non solo le spese di lusso, ma anche acquisti come auto, viaggi, arredamenti ed elettrodomestici.

Tutto quello che supera la soglia dei 3.600 euro, quindi, va comunicato insieme al codice fiscale di chi ha effettuato l'acquisto.

In parole povere, commercianti e professionisti faranno un po' da informatori nei confronti delle Agenzie delle Entrate, dovendo rivelare chi ha comprato cosa, e soprattutto quanto ha speso.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono alcune delle spese più significative che faranno scattare per legge le segnalazioni all'Agenzia e di conseguenza i controlli, ove necessario:

  • auto: l'acquisto di una nuova autovettura comporta generalmente lo sforamento immediato della soglia dei 3.600 euro e dunque andrà sempre comunicato;
  • viaggi: anche in questo caso, soprattutto per lunghi soggiorni all'estero, le somme spese possono superare il limite entro cui scatta il dovere di segnalazione e si dovrà quindi informare l'Agenzia delle entrate;
  • mobili ed elettrodomestici: i contribuenti che dovessero procedere al rinnovo di ampie parti del proprio arredo, si troveranno certamente a sborsare cifre superiori ai 3.600 euro, e dunque ci sarà l'obbligo di comunicazione;
  • abbigliamento e accessori: per acquisti che dovessero riguardare articoli di lusso è evidente che la soglia fatidica dei 3.600 euro possa essere superata molto facilmente. Dunque anche in questo caso l'Agenzia delle entrate dovrà essere informata;
  • gioielli, preziosi e opere d'arte: si tratta di un altro ambito di acquisti nel quale la somma dei 3.600 euro può essere molto facilmente sforata, con il conseguente obbligo di segnalazione
  • circoli sportivi: in molti casi le cifre annuali che si pagano per l'iscrizione a sport club anche molto esclusivi (si pensi solo a quelli del golf) superano ampiamente i 3.600 euro e dovranno dunque anch'esse essere comunicate.

Da notare bene che se per quest'anno le fatture andranno comunicate solo se pari o superiori a 3.600 euro, dall'anno prossimo, e quindi per le fatture del 2014, invece, andrà comunicato tutto, anche se l'importo sarà molto basso.

C’è solo da sperare che questa incalzante pressione, che da molti osservatori viene considerata spesso al limite della violazione della privacy dei cittadini, possa effettivamente sortire risultati positivi per le casse dello Stato e per una maggiore equità fiscale nel Paese.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.