spese sollecito

Domanda: ma le spese del sollecito, di solito inviato da un legale per conto del creditore(AR), chi le paga?

Quando il rapporto obbligatorio è fra imprese (B2B) il decreto legislativo 231/2002 prevede che anche gli oneri di recupero, anche stragiudiziali, siano in capo al debitore, pertanto in questo caso la questione è lineare.

Quando invece il rapporto è fra impresa e consumatore, le spese di sollecito sono dovute se previste convenzionalmente (da contratto).

Quando non c'è un contratto scritto a regolare il rapporto fra consumatore e creditore, sovente le spese vengono richieste appellandosi all'articolo 1224 del cod. civile "...Al creditore che dimostra di aver subito un danno maggiore spetta l'ulteriore risarcimento.

Questo non è dovuto se è stata convenuta la misura degli interessi moratori.", tuttavia quest'interpretazione è secondo alcuni capziosa, e le spese per il recupero stragiudiziale non sarebbero dovute in nessun caso, o quantomeno se fossero pagate costituirebbero solo obbligazione naturale.

Quanto sopra chiaramente nell'ottica che il debitore sia solvibile, viceversa, come talora accade, le spese rimangono tutte "sul gobbo" del creditore..

8 febbraio 2011 · Simone di Saintjust

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.