Chi può accedere al piano del consumatore secondo la suprema corte

A parere della Corte di Cassazione, ecco chi può accedere al piano del consumatore ai fini della legge sul sovraindebitamento.

La Corte di Cassazione, con sentenza 1869/2016, ha chiarito che, ai fini della legge sul sovraindebitamento, per consumatore deve ritenersi esclusivamente il debitore persona fisica che abbia contratto obbligazioni per far fronte ad esigenze personali o familiari o comunque derivanti dall'estrinsecazione della propria personalità.

Tale nozione non esclude coloro che esercitino o abbiano esercitato attività di impresa o professionale purché, al momento della presentazione del piano, non residuino obbligazioni assunte nell'esercizio di dette attività.

A detta limitazione fanno eccezione i tributi costituenti risorse proprie dell'Unione Europea, imposta sul valore aggiunto e ritenute operate e non versate, i quali devono essere pagati in quanto tali.

Briciole di pane - navigare a ritroso nelle sezioni

debiti origine conseguenze tutele
origine dei debiti
contratti di prestito - microcredito - usura
sovraindebitamento
sovraindebitamento e piano del consumatore » come interpretano la legge la cassazione e i tribunali di merito

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su chi può accedere al piano del consumatore secondo la suprema corte. Clicca qui.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altri contenuti suggeriti da Google

Struttura del sito ed altre info