Sovraindebitamento e piano del consumatore » come interpretano la legge la cassazione e i tribunali di merito

Vediamo, in merito alla famosa legge sul sovraindebitamento 3/2012, come l'hanno interpretata, nel dettaglio, i tribunali di merito e la Corte di Cassazione: tutte le informazioni utili all'interno dell'articolo.

Come abbiamo avuto modo di capire in diversi nostri interventi sul blog, anche il comune cittadino, come un'impresa, può fallire nel momento in cui accumula una serie di debiti che non riesce a pagare.

La legge 3/2012 sul sovraindebitamento, infatti, consente l'accesso a particolari procedure di ristrutturazione del debito in modo da trovare un accordo e un piano di rientro con i creditori.

A distanza di qualche anno dall'entrata in vigore della legge, però, lo strumento del piano del consumatore ha tentato di farsi strada pur non avendo ancora trovato un'applicazione diffusa.

Dunque, si può certamente affermare che si tratta di procedure ancora in corso di sperimentazione.

In questa fase “sperimentale” possiamo analizzare le decisioni più rilevanti finora emesse dai tribunali italiani in materia di piano del consumatore.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sovraindebitamento e piano del consumatore » come interpretano la legge la cassazione e i tribunali di merito. Clicca qui.

Stai leggendo Sovraindebitamento e piano del consumatore » come interpretano la legge la cassazione e i tribunali di merito Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 16 maggio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sovraindebitamento Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info