Sovraindebitamento conclamato di un familiare oberato di debiti che non riuscirà mai a rimborsare

Mi trovo ad affrontare per dovere morale il sovraindebitamento di un familiare che vive a 700 km di distanza da me che supera i 180 mila euro complessivi. Così suddivisi:
- 148mila mutuo con rata media di 750 mensili
- 4mila carta revolving con rate da 160 mensili
- 24 mila prestito findomestic con rate da 207 mensili
- 3mila monte dei pegni
- 5mila scoperto in banca

Le rate di quanto sopra superano il 50% dello stipendio percepito mensilmente perciò, avendo io già una volta provveduto al risanamento dello scoperto in banca, la situazione è in costante e inesorabile aggravamento.

La persona in questione ha 60 anni e un figlio che tra pochi mesi ne farà 18.

La mia domanda è relativa alla figura dell'amministratore patrimoniale. Esiste la possibilità di far amministrare le spese da questa figura? Se si, in quale modo?

Inoltre ciò che mi sembrerebbe più logico fare sarebbe vendere casa ed estinguere il mutuo che, con la rata che ha, incide notevolmente. In tal caso, visto il periodo poco favorevole per le compravendite immobiliari, qualora la posizione si aggravasse ulteriormente e i creditori (in particolare la banca per mutuo e scoperto su c/c) si prendessero la casa e la mettessero all'asta, la posizione debitoria del mio familiare cesserebbe?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sovraindebitamento conclamato di un familiare oberato di debiti che non riuscirà mai a rimborsare.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.