Sostegno al reddito » Dal comune di Roma social card per famiglie in difficoltà

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

L'assessore al Sostegno Sociale e Sussidiarietà del Comune di Roma ha presentato nei giorni scorsi la nuova Social Card Roma, una carta acquisti a sostegno delle famiglie in difficoltà economiche. La carta prevede un contributo mensile finanziato dallo Stato per circa 4.000 famiglie della Capitale e può essere richiesta fino al 28 febbraio 2014. Scopriamo come.

In linea generale, si parla di un'iniziativa sperimentale della durata di 12 mesi, rivolta ai nuclei familiari residenti a Roma da almeno un anno con almeno un minore a carico.

Il richiedente può essere cittadino italiano, comunitario, straniero con permesso di soggiorno di lungo periodo, rifugiato.

La social card per le famiglie romane in difficoltà nel dettaglio

La nuova carta acquisti Carta Acquisti Sperimentale è uno strumento di pagamento elettronico a sostegno delle famiglie finanziato dallo Stato.

Essa prevede un contributo mensile che varia a seconda del numero dei componenti del nucleo familiare, calcolato escludendo le persone a carico ai fini Irpef diverse dal coniuge e dai figli:

  • 2 membri:231 euro
  • 3 membri:281 euro
  • 4 membri:331 euro
  • 5 o più membri:404 euro

La Carta Acquisti Sperimentale viene spedita a casa dei beneficiari e ricaricata ogni due mesi dall'Inps.

La sperimentazione della social card ha la durata di 12 mesi a partire dal primo accredito bimestrale del beneficio.

Qualora nel nucleo familiare beneficiario siano presenti uno o più titolari di un contributo economico continuativo concesso da Roma Capitale, l'attribuzione della carta acquisti determinerà la sospensione per tutta la durata della sperimentazione del contributo erogato dall'Amministrazione.

I componenti dei nuclei familiari beneficiari della carta acquisti sono tenuti a rispondere ad appositi questionari che saranno loro sottoposti all'avvio e al termine della sperimentazione.

Roma Capitale, in qualsiasi momento, dispone la revoca del beneficio nei casi specifici previsti dal bando.

La sperimentazione prevede anche di individuare, nell'ambito dei beneficiari della carta acquisti, un numero pari al 50% dei nuclei familiari per i quali Roma Capitale predispone un progetto personalizzato di presa in carico volto al superamento della condizione di povertà, al reinserimento lavorativo e all'inclusione sociale.

Il progetto richiede ai componenti del nucleo familiare beneficiario l'impegno a svolgere specifiche attività, dettagliate nel progetto medesimo, nelle seguenti aree:

  1. frequenza di contatti con i servizi sociali del Comune;
  2. atti di ricerca attiva di lavoro;
  3. adesione a progetti di formazione o inclusione lavorativa;
  4. frequenza e impegno scolastico;
  5. comportamenti di prevenzione e cura volti alla tutela della salute.

Il progetto deve essere sottoscritto per adesione dai componenti del nucleo familiare, pena l'esclusione dal beneficio.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.