Gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico possono sanzionare solo chi sosta all'interno delle corsie riservate

Il legislatore ha inteso conferire agli ausiliari del traffico, ai fini di semplificazione dell'attività amministrativa, il potere di prevenire ed accertare infrazioni al codice della strada in alcune ipotesi tassative. Una prima, è costituita dalle infrazioni concernenti la sosta di autoveicoli nelle aree soggette a concessione di parcheggio, in ordine alla quale le funzioni di prevenzione ed accertamento possono essere svolte dagli stessi dipendenti della società concessionaria. Una seconda, concernente la sosta nell'ambito del territorio del Comune, nella quale le funzioni di prevenzione ed accertamento delle relative infrazioni sono attribuite ai dipendenti comunali. Una terza, infine si riferisce agli ispettori delle aziende di trasporto pubblico urbano, ai quali è conferito il controllo della sosta sulle corsie riservate ai mezzi pubblici.

In particolare, i dipendenti di aziende esercenti il trasporto pubblico, aventi funzioni ispettive, possono accertare le violazioni in materia di circolazione e sosta in funzione di prevenzione e di accertamento, limitatamente alle corsie riservate al trasporto pubblico (corsie preferenziali), essendo esclusa la possibilità di estendere l'esercizio di tali poteri all'intero territorio cittadino.

Si tratta della decisione assunta dai giudici della Corte Suprema con la sentenza 2973/16.

Nel caso sottoposto all'esame del Collegio l'automobilista aveva parcheggiato su un marciapiede esterno alla corsia preferenziale, dunque non sanzionabile dall'ispettore dell'azienda di trasporto pubblico in base al tenore letterale della norma di legge secondo la quale le funzioni di prevenzione e di accertamento attengono alla materia della circolazione e sosta sulle corsie riservate al trasporto pubblico.

Concludendo, gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico nominati ausiliari del traffico possono occuparsi esclusivamente della regolarità della circolazione sulle corsie riservate.

18 febbraio 2016 · Giuseppe Pennuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico possono sanzionare solo chi sosta all'interno delle corsie riservate. Clicca qui.

Stai leggendo Gli ispettori delle aziende di trasporto pubblico possono sanzionare solo chi sosta all'interno delle corsie riservate Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 18 febbraio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca