Sospensione mutui - Si discute di una moratoria per le famiglie in difficoltà - si tratterà dell'ennesima bufala?

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Buone notizie per le famiglie che in questo periodo sono in difficoltà nel pagamento dei mutui a causa della crisi economica.  Questo il senso dei titoli apparsi su numerosi quotidiani.

Ma l"esperienza ci ha insegnato ad usare estrema cautela  quando si affrontano proposte avanzate dai banchieri e/o annunciate dal ministro Tremonti.

Noi registriamo solo che il comitato esecutivo dell'Abi, nella sua riunione di martedì 15 settembre, ha discusso l'ipotesi di una moratoria per i mutui delle famiglie in situazioni di difficoltà a causa della crisi. Dunque, solo un'ipotesi per ora.

Le misure dovrebbero essere simili a quelle adottate nei riguardi delle imprese, che hanno condotto alla moratoria per i crediti nei confronti delle piccole e medie imprese.

Dunque, dopo le imprese, una boccata d'ossigeno potrebbe arrivare anche per le famiglie indebitate. Ma non è proprio il caso di nutrire eccessive speranze.

La proposta muove dall'Abi (il che è tutto dire)  e sarà presentata al titolare dell'Economia (che, probabilmente, si affretterà a confezionare l'ennesimo spot pubblicitario).

Le banche, in ordine sparso, hanno già millantato l'effettuazione di  interventi mirati a  favorire le famiglie che si sono trovate in difficoltà con i mutui casa a seguito della crisi finanziaria.

Con risultati, in verità, abbastanza deludenti e risibili, se non avessero giocato con  le speranze di chi versa in situazioni economiche davvero drammatiche.

In generale si chiedeva, come requisito di accesso al beneficio,  un reddito riferito  al 2007 non superiore a 25 mila euro complessivamente,  per tutti gli intestatari del mutuo. Cioè un mutuatario licenziato nel 2009 che avesse avuto un reddito nel 2007 di 26 mila euro non fruiva della sospensione del pagamento delle rate del mutuo.

Si parlava di assenza di costi aggiuntivi, oneri o interessi di mora, ma nulla si diceva circa gli interessi  derivanti dall'aumento della durata del finanziamento (conto di finanziamento accessorio).  E così abbiamo assistito all'applicazione di interessi stratosferici per dodici mesi di sospensione, da scontare a fine del piano di ammortamento.

E anche quando i requisiti per l'accesso al beneficio risultavano soddisfatti ed  il mutuatario era disponibile ad accollarsi (per ragioni di forza maggiore) gli interessi  del conto di finanziamento accessorio, la sospensione non scattava mai automaticamente. Essa era sempre subordinata ad una valutazione soggettiva della banca.

In ogni caso, vi terremo aggiornati.

.

Per porre una domanda sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, clicca qui.

17 settembre 2009 · Piero Ciottoli

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • liousa 20 gennaio 2010 at 19:39

    ciao sn cliente unicredit ho probleme per pagare mio mutuo perche lavoro pochi 6 ore al giorno .volevo sospendere il mutuo per almeno un anno .anno scorso avevo stesso problema adesso sn dietro da 6000.come posso fare?

    1 3 4 5