L'istanza di sospensione della cartella esattoriale » Un'ottima difesa del contribuente per le cartelle pazze

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle cartelle esattoriali pazze di Equitalia: ecco come difendersi grazie all'istanza di sospensione.

Dopo aver parlato, in un precedente articolo, dell'istanza di autotutela, nell'intervento che segue, vogliamo illustrare ai contribuenti italiani uno degli altri diritti previsti dalla legge nel caso della ricezione delle classiche cartelle esattoriali pazze, come appunto, l'istanza di sospensione.

Per cartelle esattoriali pazze, intendiamo tutte quelle richieste di pagamento per sanzioni amministrative o tributi ormai prescritti, oppure già sgravate da un provvedimento del giudice o dell'autorità amministrativa, o, addirittura, già pagate.

Come noto, la legge di stabilità 2013 ha introdotto una interessante disposizione: se fino a prima ci si doveva affidare esclusivamente alle norme sull'autotutela, che, come chiarito, prevedono la possibilità di chiedere lo sgravio senza però alcuna garanzia sui tempi di risposta e soprattutto senza poter considerare sospesi gli effetti esecutivi della cartella stessa, dall'entrata in vigore della nuova normativa, in caso di documentato errore si può ottenere una immediata sospensione delle procedure di riscossione dietro presentazione di una domanda di correzione o sgravio.

Per precisa disposizione di legge, la sospensione dell'atto deve avvenire subito, prima di procedere all'esame della richiesta.

Questa sostanziale novità si applica anche alle domande già presentate al concessionario della riscossione prima del 1 Gennaio 2013, data di entrata in vigore della legge di stabilità, rimaste sospese.

Inoltre, in caso di silenzio dell'ente creditore, da cui deve partire la risposta, protratto per 220 giorni dalla presentazione della domanda, l'atto oggetto di richiesta di sgravio o correzione si considera nullo di diritto.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'istanza di sospensione della cartella esattoriale » un'ottima difesa del contribuente per le cartelle pazze.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.