Una società che svolge attività di recupero crediti, in fase stragiudiziale, mi ha trasmesso una “costituzione in mora”

Una società che svolge attività di recupero crediti, in fase stragiudiziale, mi ha trasmesso una “costituzione in mora” dove alle spese del verbale di contravvenzione non pagato ha aggiunto “diritti di agenzia” e “recupero domicialire” il tutto a carico del debitore.

Può la societa addebitare tali spese al debitore?

A fronte di contravvenzioni non pagate nei 60 gg dalla notifica ci dovrebbe essere la cartella esattoriale di una società del gruppo Equitalia con “compensi di riscossione” nella misura del 4,65%. Che sono riconosciuti per legge.

Se poi la consociata territoriale di Equitalia li chiama diritti di agenzia e/o recupero domiciliare ha poca importanza. Quello che conta è la verifica che gli importi in questione si aggirino intorno al 4,65% della sanzione.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2008 · Giuseppe Pennuto

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su una società che svolge attività di recupero crediti, in fase stragiudiziale, mi ha trasmesso una “costituzione in mora”.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • karalis 4 ottobre 2008 at 06:30

    salve vorrei avere notizie in ordine ai requisiti per aprire un agenzia di recupero crediti .e alle operazioni consentite.in particolare vorrei sapere se la stessa agenzia puo svolgere il recupero sia giudiziale che stragiudiziale, qual è la normativa che disciplina la materia e se mi puo consigliare un corso di formazione x questo campo la ringrazio

    Commento di maria grandinetti | Venerdì, 3 Ottobre 2008

    Cara Maria,

    sarebbe come chiedere a dei vegetariani ricette per cucinare lo spezzatino, a dei pacifisti indicazioni per costruire la bomba atomica, a dei testimoni di geova informazioni su come si effettua una trasfusione.

    Ma non voglio lasciare la tua domanda senza risposta. E ti darò una risposta a valore aggiunto.

    Non credo che oggi come oggi sia remunerativo aprire una società di recupero crediti.

    Innanzitutto sono necessari capitali non indifferenti per poter acquistare direttamente i crediti e svolgere attività in modalità pro-soluto.

    Altrimenti sei costretta ad operare in regime pro-solvendo: vale a dire lavorare per altri pratiche su cui altre società hanno tentato inutilmente il recupero (per le differenze fra pro-solvendo e pro-soluto guarda questa sezione.

    Rientreresti allora nelle fattispecie affrontate in questo articolo.

    La cosa che ti consiglio è dunque quella di aprire una debt agency, anche in franchising.
    Nuovi problemi (insolvenza diffusa, ormai endemica dei debitori) richiedono una nuova cultura (mediare le esigenze di debitori e quelle dei creditori, anzichè difendere gli interessi degli uni o degli altri)

    Per capire cosa sia una debt agency ed avere info di come aprirne una, la cosa migliore da fare è quella di visitare questo sito

1 2