Sinistro stradale e decesso » Si ai danni non patrimoniali anche ai non conviventi della vittima

1. Sinistro stradale e decesso » Si ai danni non patrimoniali anche a non conviventi della vittima
2. il requisito della convivenza non esclude il diritto al risarcimento non patrimoniale
3. la convivenza dei nonni con la vittima dell'incidente ai fini del risarcimento danni è solo un elemento di valutazione

Sinistro stradale e decesso » Si ai danni non patrimoniali anche a non conviventi della vittima

Quando un nipote muore, a seguito di un sinistro stradale, i nonni hanno diritto al risarcimento del danno non patrimoniale anche se non abitavano nella stessa casa del giovane.

Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione, sezione penale, la quale, con la pronuncia 29735/2013, ha sancito che: Dopo l’incidente stradale che ha originato la condanna per omicidio colposo del conducente postosi alla guida con un elevato tasso alcolico nel sangue non si può escludere il risarcimento del danno non patrimoniale in favore dei nonni della vittima solo perché non conviventi con il de cuius, poiché attribuire a tale situazione un rilievo decisivo porrebbe ingiustamente in secondo piano l'Importanza di un legame affettivo e parentale la cui solidità e permanenza non possono ritenersi minori in presenza di circostanze diverse, che comunque consentano una concreta effettività del naturale vincolo nonno-nipote : ad esempio, una frequentazione agevole e regolare per prossimità della residenza o anche la sussistenza - del tutto conforme all'attuale società improntata alla continua telecomunicazione - dl molteplici contatti telefonici o telematici. Ne consegue che non potrà che utilizzare quale parametro il concreto configurarsi delle relazioni affettive e parentali in ragione di peculiari condizioni soggettive e situazioni di fatto singolarmente valutabili, escludendo ogni carattere risolutivo della convivenza, che costituisce comunque un significativo elemento di valutazione in assenza del quale, tuttavia, può comunque dimostrarsi la sussistenza di un concreto pregiudizio derivante dalla perdita dal congiunto.

A parere dei Supremi Giudici, pertanto, il condannato per omicidio colposo, che ha causato il sinistro stradale, non ha buone motivazioni nel sostenere che la convivenza fra gli ascendenti (i nonni) e la vittima sarebbe un presupposto imprescindibile per il risarcimento dei danni non patrimoniali.

Pertanto, secondo gli Ermellini, anche nel caso in cui il familiare non abbia convissuto con la vittima, può sperare nel risarcimento del danno derivante dalla perdita del proprio familiare. Questo perchè l’esistenza di un solido legame affettivo, anche di fatto, non è necessariamente legato alla convivenza.

il requisito della convivenza non esclude il diritto al risarcimento non patrimoniale

Dal punto di vista giurisprudenziale questa sentenza è molto importante, perchè stabilisce una netta inversione di rotta, in materia, da parte di piazza Cavour.

La Suprema Corte, infatti, decidendo in merito ad un caso analogo, con la pronuncia 4253/12, aveva stabilito che: In tema di diritto al risarcimento, il fatto illecito, costituito dalla uccisione del congiunto, dà luogo a danno non patrimoniale, consistente nella perdita del rapporto parentale, quando colpisce soggetti legati da un vincolo parentale stretto, la cui estinzione lede il diritto all'intangibilità della sfera degli affetti reciproci e della scambievole solidarietà che connota la vita familiare nucleare. Mentre, affinché possa ritenersi leso il rapporto parentale di soggetti al di fuori di tale nucleo (nonni, nipoti, genero, nuora) è necessaria la convivenza, quale connotato minimo attraverso cui si esteriorizza l’intimità dei rapporti parentali, anche allargati, caratterizzati da reciproci vincoli affettivi, di pratica della solidarietà, di sostegno economico. Solo in tal modo il rapporto tra danneggiato primario e secondario assume rilevanza giuridica ai fini della lesione del rapporto parentale, venendo in rilievo la comunità familiare come luogo in cui, attraverso la quotidianità della vita, si esplica la personalità di ciascuno.

Analizzando questa massima, infatti, si deduceva che era dato come presupposto il requisito della convivenza per provare l’esistenza dei rapporti tra i familiari, escludendo, quindi, il diritto al risarcimento da parte di quei soggetti non conviventi abitualmente (nonni, nipoti, nuore e generi, ecc.).



la convivenza dei nonni con la vittima dell'incidente ai fini del risarcimento danni è solo un elemento di valutazione

Va ricordato in ogni caso che il risarcimento del danno non patrimoniale scatta per la violazione di ogni bene protetto dalla Costituzione.

E nel caso specifico la lesione nasce peraltro dal reato di omicidio colposo da sinistro stradale.

Insomma: la convivenza dei nonni con la vittima dell'incidente ai fini del risarcimento danni è solo un elemento di valutazione, per quanto significativo.

Sarà il giudice del merito a dover accertate le relazioni affettive esistenti caso per caso (nella specie i nonni si erano legati molto al giovane anche per la morte di un altro nipote deceduto, ironia della sorte, anch’egli in un incidente stradale).

Deve essere tuttavia sottolineato che non esiste alcuna presunzione in favore dei nonni, ma bisogna comunque adempiere all'onere della prova per ottenere il risarcimento danni.

15 ottobre 2013 · Carla Benvenuto

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di risarcimento danni, sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di violazioni al Cds sanzioni amministrative e sinistri stradali

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro stradale e decesso » si ai danni non patrimoniali anche ai non conviventi della vittima. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro stradale e decesso » Si ai danni non patrimoniali anche ai non conviventi della vittima Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 15 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info



Cerca