I precedenti giurisprudenziali sul diritto di cedere il credito maturato nei confronti dell'assicurazione

La Suprema Corte, in passato, aveva riconosciuto a tutti gli automobilisti coinvolti in un sinistro stradale ed in attesa di ricevere il relativo risarcimento, il diritto di cedere a terzi il conseguente credito nei confronti dell'assicurazione.

Ma la possibilità di questa cessione del credito, aveva precisato piazza Cavour, riguardava solamente il risarcimento del danno patrimoniale.

Con la sentenza in esame, la Cassazione ha esteso però la possibilità per l'assicurato di cedere anche il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, biologico e morale causato da un incidente stradale.

Se con la cessione del danno patrimoniale era possibile cedere solo l'eventuale risarcimento vantato per i danni al mezzo e, in genere, per il fatto di dover prendere un'auto in noleggio o in sostituzione della precedente, dopo questa importante pronuncia, sarà conseguibile cedere anche il danno derivante da una lesione, da un colpo di frusta o anche il semplice trauma psicologico da sinistro stradale.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su i precedenti giurisprudenziali sul diritto di cedere il credito maturato nei confronti dell'assicurazione. Clicca qui.

Stai leggendo I precedenti giurisprudenziali sul diritto di cedere il credito maturato nei confronti dell'assicurazione Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 9 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria cessione dei crediti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info