Signoraggisti di lotta e di governo [Commento 1]

  • Gianni Frescura 24 marzo 2009 at 19:26

    A proposito dell'articolo di Pietro Di Giorgio sui “Signoraggisti di lotta e di governo” e sul fatto che la questione del signoreggio sia una bufala vorrei far notare che il Ministro Tremonti crede che questa bufala sia la causa della crisii (Corriere della sera del 17 marzo 2009, “Il pendolo tra mercato e «sociale»”):

    “Perché, con la globalizzazione, mentre cresceva la forza del mercato, configurato come il fondamento di una nuova religione terrestre, decresceva simmetricamente la forza dello Stato. Via via che con la globalizzazione cresceva la forza dell'economia, lo Stato rinunciava ad esercitare una delle sue funzioni sovrane: rinunciava al monopolio nel battere la moneta. Nell'età della globalizzazione anche le banche private potevano infatti battere, e perciò battevano la loro moneta. Una moneta addizionale che prendeva forma nei più incredibili strumenti finanziari. Una moneta fondata sul debito e perciò stampata sul nulla.

    È così che la moneta cattiva ha via via sovrastato la moneta buona. Ed è proprio nella implosione di questa nuova e privata massa monetaria la causa della crisi che vediamo e viviamo”

    Evidentemente è Tremonti il tipico signoraggista di governo !

    Se poi il sig. Di Giorgio vuole informarsi sul cosa si intende per usura in Italia sono a sua disposizione per illustrargli le norme vigenti e se vuole capire come l'usura sia il cancro che rovina l'economia spostando illegalmente ed ingiustamente la ricchezza (l'usura è un furto), come riduca l'uomo a schiavitù e come le banche rubano i soldi e la ricchezza a milioni di persone con sistemi illegali che funzionano solo perché le banche hanno corrotto con il frutto dell'usura, sia il sistema politico che quello giudiziario sono ancora a sua disposizione, ma temo che tutto ciò non interessi a chi vive dei frutti di questo sistema in mano agli usurai.

    Tanto per chiarire, mi sembra che nessuno dei signoraggisti antiusura neghi che il credito sia importante per l'economia; quello che chi ha capito come funziona l'economia attuale, contesta è il fatto di pagare il credito in modo esagerato e perciò di rovinare il debitore, ma anche il creditore e con esso lo stato per avidità.

    Il sig. Di Girgio può anche informarsi come funzionano le banche islamiche ed ebraiche, che hanno sempre fatto e continuano a tutt’oggia a fare prestiti senza interesse, prima di dire che la contestazione dell'usura è una cosa medievale!

    Chi si batte contro l'usura si batte per la giustizia sociale.

    Distinti saluti

    PS
    Gli ebrei si trovano numerosi nelle banche occidentali perchè la loro religione consente l'usura nei confronti dei “gentili” (i non ebrei)

    Gianni Frescura

1 2

Torna all'articolo