Si fa largo il Banking 2.0

Si è svolta la dodicesima edizione dello European IT Banking Forum 2007 organizzato da Idc. L'appuntamento annuale si è proposto quale momento di confronto tra analisti IDC, operatori del mondo IT, CIO ed esperti del settore bancario, finanziario e assicurativo.

In termini di tendenze e scenari evolutivi durante l'evento diversi relatori hanno discusso delle opportunità e delle sfide offerte alle banche dalla convergenza delle tecnologie ICT e dal web 2.0. In particolare, oltre agli analisti IDC, è intervenuto su questo tema Romano Stasi, Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab, che ha offerto una definizione del Web 2.0 quale complesso di approcci per interagire con la rete in modo innovativo, concetto basato su un'idea del web inteso come piattaforma, su applicazioni web condivise, sulla valorizzazione dell'intelligenza collettiva, sul coinvolgimento attivo dell'utente, sulla condivisione di informazioni, sullo sviluppo continuo e sull'accessibilità e semplicità d'utilizzo.

Le comunità online offrono alle banche la possibilità di reperire maggiori informazioni sulle esigenze degli utenti, permettendo loro di intraprendere così azioni di marketing mirato e di coinvolgere i clienti stessi nella costruzione di prodotti ad hoc. In questo modo è possibile fidelizzare i clienti, aumentare la brand awareness e rafforzare la brand equity. Per sfruttare al meglio le opportunità offerte dal Web 2.0 e agire sempre più in una logica di Banking 2.0 le banche dovrebbero monitorare le community spontanee, promuovere community di proprio interesse, attivare community del proprio portale e servire community costituite da clienti attivi. Un ulteriore argomento di particolare richiamo sviluppato nel corso del convegno è stato quello della Financial Supply Chain, presentato da Enrico Camerinelli, Chief Analyst e European Director del Supply Chain Council, un'associazione no profit, indipendente e globale, costituita da più di 800 aziende appartenenti a settori trasversali e finalizzata a promuovere il dialogo e a sviluppare modelli standard cross-industry di supply chain management.

Pietro Gentile, giornalista e moderatore della seconda giornata, ha introdotto alcuni tra i temi più innovativi trattati durante il forum. Di grande interesse è risultato essere quello della Corporate Social Responsibility in ambito bancario che si declina nelle quattro forme della banca etica, del microcredito, del peer-to-peer lending e del migrant banking. Al momento attuale, comunque, il successo del P2P è un dato certo, poiché nel giro di due anni sono emerse circa 20 aziende P2P in tutto il mondo e il 14 novembre 2007 Zopa Italia (Zopa.it) è stata la prima in Europa ad avviare la sua attività. Per quanto riguarda il migrant banking, che può essere definito come il processo di bancarizzazione degli immigrati, nel corso del convegno organizzato da IDC, è intervenuto Jose Manuel Rey, Director Banco de la Gente, una divisione di Peoples Bank, che rappresenta il primo modello bancario per immigranti sviluppato e implementato da una banca commerciale nel North Carolina. banca etica, del microcredito, del peer-to-peer lending e del migrant banking.

27 novembre 2007 · Patrizio Oliva

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.