Il ricorso al tar da parte di poste italiane

Rifiutandosi di aderire alle condizioni imposte dall'Agcm, Poste Italiane aveva presentato ricorso presso il Tar del Lazio.

Ma con la sentenza numero 1525/2014, pubblicata in data 7 Febbraio 2014, il Tar del Lazio ha respinto il ricorso proposto da Poste Italiane spa. contro il provvedimento dell'Autorità che riconosceva Poste Italiane colpevole di abuso di posizione dominante in merito all'esenzione dall'IVA.

Il Tar, infatti, ha confermato la posizione dell'Autorità, specificando che la condotta di Poste Italiane, in contrasto con l'articolo 102 TFUE, l'articolo 106 TFUE e con l'articolo 4, comma 3, del TUE, ha integrato un abuso di posizione dominante di tipo escludente consistente nell'applicazione di sconti commisurati all'esenzione IVA nella misura dell'aliquota vigente al momento della prestazione del servizio, idonei ad alterare il confronto competitivo a danno dei consumatori.

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il ricorso al tar da parte di poste italiane. Clicca qui.

Stai leggendo Il ricorso al tar da parte di poste italiane Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria IVA ed IRAP Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info