Addebito della separazione a causa di shopping compulsivo - il fatto e le considerazioni sulla pronuncia

Disturbo della personalità sì, incapacità d'intendere e volere no.

Si becca la separazione con addebito e perde così il mantenimento la moglie affetta dalla sindrome da shopping compulsivo, come attesta la Ctu.

La signora, infatti, si mostra ben presente a sé stessa, oltre che curata nell'aspetto e, dunque, risulta perfettamente consapevole della propria patologia, che la spinge a rubare somme di denaro a familiari (e anche a terzi), pur di comprare vestiti, borse e gioielli.

In questo caso, secondo il giudice del merito, il disturbo della personalità che pure è acclarato non esclude l'imputabilità della signora ai fini dell'intollerabilità della convivenza.

Dovrà, quindi, rassegnarsi, la signora: non otterrà l'assegno di 2 mila euro al mese che pure le era stato riconosciuto dal giudice di prime cure.

La consulenza tecnica d'ufficio parla chiaro: la donna è preda dell'istinto irrefrenabile di comprare capi di abbigliamento e accessori, oltre che monili, con una tensione crescente che si placa soltanto quando la voglia matta non risulta soddisfatta.

E ciò anche a costo di rubare al marito o ad altri.

Per il resto, però, l'ex coniuge ha facoltà mentali perfettamente integre e nessun problema a relazionarsi con il prossimo e a orientarsi nel tempo e nello spazio: anzi, risulta adeguata nel comportamento oltre che ricercata nel vestire.

La costrizione a ripetere gli acquisti forzati ha andamento esponenziale e costa sempre di più alla famiglia.

A questo punto non ha molto senso accertare che sia vero o meno che l'interessata abbia rifiutato di farsi aiutare da un medico specializzato, laddove ai fini dell'addebito si configura senz’altro la violazione dei doveri matrimoniali ex articolo 143 Cc.

Alla donna non resta che pagare le spese di giudizio.

20 novembre 2013 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su addebito della separazione a causa di shopping compulsivo - il fatto e le considerazioni sulla pronuncia. Clicca qui.

Stai leggendo Addebito della separazione a causa di shopping compulsivo - il fatto e le considerazioni sulla pronuncia Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca