Separazione personale » Moglie affetta da shopping compulsivo? L'addebito è legittimo

Separazione a causa di violazione dei doveri matrimoniali con furti di denaro ai familiari per comprare vestiti, borse e gioielli: il disturbo dello shopping compulsivo non sconfessa il reo, pertanto l'addebito è legittimo.

La separazione personale deve essere addebitata al coniuge affetto da sindrome da shopping compulsivo che lo porta a sottrarre somme di denaro a familiari e terzi pur di soddisfare l'irrefrenabile istinto a comprare beni mobili.

Detta condotta costituisce una violazione dei doveri matrimoniali che rende intollerabile la convivenza.

Non conta il fatto che essa sia dettata da un un disturbo della personalità che in questa fattispecie non esclude l'imputabilità.

Questo, in essenza, il verdetto della Corte di Cassazione in merito alla pronuncia numero 25843/13.

Separazione e shopping compulsivo: Approfondimenti

Facciamo un passo indietro.

Per cominciare, è bene chiarire che il secondo comma dell'articolo 151 del codice civile prevede che il giudice, pronunciando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi essa sia addebitabile, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri derivanti dal matrimonio.

L'addebito della separazione è, dunque, una sorta di sanzione contro la violazione dei doveri familiari e coniugali.

Come in più occasioni ribadito dalla Corte di Cassazione la pronuncia di addebito non può fondarsi sulla sola inosservanza dei doveri coniugali, implicando, invece, tale pronuncia la prova che la irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente al comportamento volontariamente e consapevolmente contrario a tali doveri da parte di uno o di entrambi i coniugi.

Cioè che sussista un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati e il determinarsi dell'intollerabilità della ulteriore convivenza.

L'intollerabilità della prosecuzione delle convivenza fra i coniugi diviene il presupposto essenziale e sufficiente per la pronuncia della separazione legale giudiziale.

I soggetti affetti dalla sindrome da shopping compulsivo, invece, assumono comportamenti che si sostanziano nella mania di acquistare tutto ciò che è in vendita.

Il piacere che deriva dall'acquisto è tuttavia di breve durata: tolta l'etichetta del prezzo all'oggetto comprato, scema anche la sensazione di benessere.

E quindi, si ricomincia daccapo.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione personale » moglie affetta da shopping compulsivo? l'addebito è legittimo.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.