Separazione personale » Restituzione beni e denaro? Solo se si dimostra l'esclusiva proprietà

In tema di separazione personale, qualora il coniuge pretenda la restituzione di denaro e beni dal consorte deve dimostrare la non contitolarità degli stessi.

Nei confronti dei beni cointestati ai coniugi vige la presunzione di comproprietà ai sensi dell'art. 1298 c.c.. Per cui non potrà chiedere il recupero di tali beni il marito che non dimostri di esserne l'esclusivo proprietario.

Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione, con sentenza 23002/14.

Da ciò che si evince dalla pronuncia in esame, opera sempre la presunzione di comproprietà delle somme sul conto corrente o degli immobili salvo prova contraria.

A parere degli Ermellini, infatti, nei confronti dei beni cointestati ai coniugi vige la presunzione di comproprietà: da ciò ne deriva che il coniuge che voglia recuperare la proprietà di uno o più di tali beni deve dimostrare di esserne l'esclusivo proprietario. Al contrario, si considerano automaticamente al 50% di entrambi.

Pertanto, pensateci due volte prima di far sparire le somme dal conto durante la causa di separazione personale.

Difatti, potrebbe sussistere il reato un'appropriazione indebita, a meno che non si dimostri la proprietà esclusiva dei beni prelevati.

31 ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione personale » restituzione beni e denaro? solo se si dimostra l'esclusiva proprietà.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.