Negoziazione assistita per la separazione personale e il divorzio - Un avvocato per ciascun coniuge

Per quanto riguarda la negoziazione assistita, infatti, il Ministero, dopo aver ribadito che occorre munirsi di un nulla osta o di un'autorizzazione del procuratore della Repubblica o del presidente del Tribunale a seconda che ci siano oppure figli o no, ha ricordato l'obbligo di trasmettere l'accordo con il nulla osta o con l'autorizzazione all'ufficiale di stato civile entro il termine di 10 giorni.

Al contrario, sussiste l'irrogazione della sanzione amministrativa a carico dell'avvocato inadempiente o ritardatario.

Inoltre, nella circolare è chiarito che l'accordo debba essere trasmesso da ciascuno degli avvocati conseguenza frutto di una presunta interpretazione letterale della legge di conversione che ha previsto che ogni parte deve essere assistita da almeno un avvocato.

Proseguendo, in tema di divorzio e separazione dinnanzi al Sindaco, il Ministero ha specificato che gli accordi di separazione e divorzio non devono contenere patti di trasferimento patrimoniale, come previsto dalla legge, aggiungendo anche che la volontà della norma è quella di escludere qualunque valutazione di natura economica o finanziaria nella redazione dell'atto di competenza dell'ufficiale dello stato civile.

In assenza di specifiche indicazioni normative, dunque, va esclusa dall'accordo qualunque clausola avente carattere dispositivo sul piano patrimoniale, come, ad esempio, l'uso della casa coniugale, l'assegno di mantenimento, ovvero qualunque altra utilità economica tra i coniugi dichiaranti.

Per quanto riguarda le procedure ed i costi, la Circolare ricorda due aspetti importanti: il primo è che quando l'avvocato trasmette l'accordo non è tenuto a formulare un'istanza. Il secondo è che nel caso dell'accordo davanti al Sindaco il diritto fisso massimo è di 16 euro.

Infine, da evidenziare che, mentre la decorrenza del triennio per il divorzio scatta, in caso di negoziazione assistita, dalla data certificata del raggiungimento dell'accordo, quella con riferimento alla separazione davanti al Sindaco decorre dalla data di redazione dell'accordo e non dalla data di conferma.

Ora, va notato che il testo della circolare appare pressoché controverso, sia per quanto riguarda i chiarimenti forniti in materia di negoziazione assistita, sia per quanto concerne il divorzio e la separazione personale.

Nel primo caso, ci si chiede come mai sia obbligatoria la trasmissione di due accordi da parte degli avvocati quando è sufficiente che vi provveda uno soltanto. E, ancora, perché chiedere la trasmissione dello stesso accordo da parte di entrambi i legali?

Come sopra riportato, Il Ministero, infatti, partendo dal dato letterale della legge di conversione, secondo cui ogni coniuge deve essere munito del proprio difensore, non essendo possibile avere un avvocato unico per entrambi, stabilisce che l'accordo vada trasmesso da ciascuno degli avvocati e non solo da uno per conto di tutti e due.

Insomma, una duplicazione di formalità del tutto inutile e priva di alcuna apparente motivazione.

Poco chiaro anche un altro aspetto: quali sanzioni scattano per l'avvocato che ha adempiuto al proprio obbligo di comunicazione se l'altro non lo abbia fatto?

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su negoziazione assistita per la separazione personale e il divorzio - un avvocato per ciascun coniuge.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.