L'accordo di separazione consensuale

Dunque, una volta scelto il proprio avvocato, lo stesso, prima di convocare il ricorso per separazione in Tribunale, sarà tenuto innanzitutto ad invitare o presso il suo studio l'altro coniuge, con lo scopo di elaborare insieme una domanda congiunta da presentare al giudice: si tratta della cosiddetta separazione consensuale.

La separazione consensuale consente di ottenere la sentenza di separazione in pochi mesi, a fronte dei diversi anni occorrenti nel caso che l'altro non accetti la separazione.

Inoltre, si basa su condizioni (economiche e personali) frutto di accordi dei coniugi e non imposte dal giudice e implicando tempi ridotti di attesa (pochi mesi) e la volontà concorde dei coniugi, comporta un indiscutibile vantaggio sul piano della serenità personale delle parti e, di riflesso, sugli eventuali figli.

Da non dimenticare, proseguendo, che implica dei costi giudiziari assai più contenuti rispetto ad un procedimento contenzioso, di cui non si conosce né l'esito né la durata.

I modi per raggiungere un accordo di separazione consensuale possono essere diversi.

La prassi più comune è quella di rivolgersi, insieme, ad un unico avvocato che formalizzerà in un unico atto le volontà espresse dai coniugi, fornendo i propri consigli nell'interesse di entrambi e valutando in via prioritaria la legittimità degli accordi delle parti.

Altra via è quella di rivolgersi ognuno ad un proprio avvocato.

In questo caso, il più delle volte, la comunicazione tra i coniugi non avviene e i rapporti sono demandati al contatto tra i due difensori che si faranno ciascuno portavoce delle volontà del proprio cliente.

Sussiste anche la possibilità di seguire, prima ancora di adire le vie legali, un percorso di mediazione familiare, che potrà anche essere suggerito dallo stesso giudice quando tenterà la conciliazione tra i coniugi.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'accordo di separazione consensuale.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.