Separazione consensuale e bonus fiscale prima casa » In caso di attribuzione all'ex coniuge dell'abitazione non si perde il beneficio

Nell'ambito di una separazione consensuale tra due coniugi, colui il quale cui ceda la proprietà della casa coniugale, comprata da meno di cinque anni con l'agevolazione prima casa, all'ex consorte, non perde il diritto alle agevolazioni fiscali ottenute precedentemente.

Per comprendere bene quello che affermeremo in seguito, c'è da fare un piccolo passo indietro.

Vale la pena ricordare, dunque, che la perdita delle agevolazioni prima casa avviene nei casi in cui il beneficiario:

  • ha dichiarato il falso
  • non ha la residenza nel comune della prima casa entro i 18 mesi previsti
  • vende o dona l'immobile prima dei 5 anni dall'acquisto e non riacquista un'altra prima casa entro un anno.

Ora la domanda sorge spontanea: cosa accade, nella fattispecie di separazione personale e consensuale tra due coniugi, quando ad uno degli ex consorti venga affidata la casa coniugale, acquistata tramite il bonus fiscale prima casa?

Il coniuge cedente perde l'agevolazione fiscale di cui ha usufruito?

Ebbene, secondo gli ultimi orientamenti giurisprudenziali, sembrerebbe di no.

Infatti, a parere della Corte della Cassazione, chi affronta una separazione e, in forza degli accordi raggiunti consensualmente con l'ex coniuge, concede a quest’ultimo la possibilità di continuare a vivere nella casa coniugale, non perde i benefici fiscali ottenuti per l'acquisto della prima casa.

A parere degli Ermellini, infatti, anche la stessa attribuzione al coniuge della proprietà della casa coniugale, in adempimento di una condizione inserita nell'atto di separazione consensuale, non costituisce una forma di vendita vera e propria dell'immobile, rilevante ai fini della decadenza dai benefici fiscali sulla prima casa, ma una modalità di utilizzazione dello stesso correlata ai giudizi di separazione e di divorzio, che resta svincolata dalla corresponsione di alcun corrispettivo e, quindi, priva di intento speculativo.

Pertanto, in tale ipotesi, il coniuge cedente non dovrà restituire all'Agenzia delle Entrate le maggiori imposte (imposta di registro o IVA) non corrisposte al momento dell'acquisto dell'immobile, avendo fruito del bonus prima casa.

Dunque, è stato stabilito che se, in esecuzione di un accordo di separazione coniugale, un coniuge trasferisce all'altro coniuge la proprietà di un'abitazione, comprata da meno di cinque anni con l'agevolazione prima casa, questa alienazione non provoca la decadenza dell'agevolazione di cui il coniuge alienante abbia beneficiato in sede di acquisto, anche se questi poi non compri, entro un anno dalla cessione, una nuova prima casa.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza della Cassazione 5156/2016.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione consensuale e bonus fiscale prima casa » in caso di attribuzione all'ex coniuge dell'abitazione non si perde il beneficio.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.