Separazione coniugi e assegno di mantenimento

Separazione personale dei coniugi - i requisiti necessari per la richiesta dell'assegno di mantenimento

In caso di separazione, il coniuge che non abbia adeguati redditi propri può chiedere che l'altro coniuge versi un assegno di mantenimento.

Per ottenere il mantenimento è necessario che ricorrano le seguenti condizioni:

  1. il coniuge richiedente non deve avere redditi adeguati;
  2. la separazione non deve essere addebitata al coniuge richiedente;
  3. l'altro coniuge deve avere a sua volta un reddito sufficiente per corrispondere l'assegno.

La corresponsione e l'importo dell'assegno sono decisi dal Giudice tenendo conto dei redditi dei coniugi, del tenore di vita sostenuto durante il matrimonio e di ogni altra circostanza rilevante in concreto.

Il mantenimento può essere corrisposto mensilmente oppure in un'unica soluzione.

Se il coniuge obbligato non paga quanto dovuto, potrà essere chiesto il sequestro dei beni dell'obbligato, oppure potrà essere chiesto il pignoramento dello stipendio o della pensione.

Il provvedimento con cui il Giudice dispone la corresponsione dell'assegno di mantenimento può essere modificato o revocato in ogni tempo qualora subentrino nuove circostanze di fatto o di diritto (ad esempio quando cambi il reddito di uno dei due coniugi).

Attenzione: l'addebito della separazione, se pure esclude il mantenimento in favore del coniuge "colpevole", non esclude gli alimenti.

Questi ultimi, infatti, sono comunque riconosciuti al coniuge che si trovi in uno stato di particolare indigenza e povertà. Gli alimenti sono una nozione più ristretta del mantenimento, in quanto mirano a garantire solo quanto strettamente necessario per la sopravvivenza.

Separazione personale dei coniugi - il coniuge separato malato ha diritto ad un assegno di mantenimento doppio

Quando il marito trascura la moglie gravemente malata e la tradisce con un'altra donna, può vedersi addebitare la separazione ed essere obbligato a corrisponderle un assegno di mantenimento doppio, adeguato alle esigenze di cura.

E' quanto ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza numero 1239 del 18 gennaio 2013. I giudici di piazza Cavour, chiamati a pronunciarsi sul caso di un uomo che aveva violato gli obblighi di assistenza e cura del partner nonché quelli di fedeltà, hanno assegnato all'ex coniuge, in sede di separazione, un assegno di mantenimento temporaneo di 1.500 euro. L'assegno, così stabilisce il dispositivo della sentenza, verrà raddoppiato per consentire alla beneficiaria di pagare l'affitto nel momento in cui avrà individuato una nuova abitazione adeguata all'infermità fisica che l'affligge.

Viene dunque ribadito l’orientamento costante della giurisprudenza, secondo il quale la separazione deve essere addebitata al coniuge che viola i doveri coniugali di fedeltà, assistenza e cura del partner e a cui va, di conseguenza ed in via esclusiva, imputata l'impossibilità di prosecuzione della convivenza.

Per porre una domanda sui presupposti per ottenere l'assegno di mantenimento nella separazione fra coniugi, accedi al forum. Clicca qui.

16 settembre 2010 · Antonella Pedone

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione coniugi e assegno di mantenimento. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione coniugi e assegno di mantenimento Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 16 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca