Semaforo t-red con il trucco? » niente rimborso

Sei assoluzioni, tra cui quella del sindaco di Segrate, e due condanne fino a quattro anni di carcere: si è concluso così il processo milanese con al centro le presunte gare d'appalto pilotate per piazzare i T-red, i cosiddetti semafori intelligenti.

Sono cadute le accuse di associazione per delinquere e abuso d'ufficio, nessun risarcimento è stato riconosciuto dai giudici agli automobilisti multati, circa 150 in tutto e parti civili.

Per le difese la sentenza della quarta sezione penale di Milano ha dimostrato che i T-red, tanto famigerati, erano semafori regolari.

In particolare, il collegio ha condannato a quattro anni di reclusione l'amministratore unico della Ci.ti.esse, azienda che commercializzava in via esclusiva i T-red.

A un anno, invece, con sospensione condizionale della pena è stato condannato il direttore commerciale della Scae, società che si aggiudicò l'appalto a Segrate.

I due, in particolare, sono stati condannati con riferimento alle presunte irregolarità nell'appalto e alla presunta turbativa d'asta.

Assolti, invece, il sindaco di Segrate, che era accusato di abuso d'ufficio, il comandante della polizia locale del comune dell'hinterland milanese, e il funzionario dei vigili, oltre ad altri tre imprenditori, presunti colpevoli.

E' comunque caduta l'accusa principale del processo che era quella di associazione per delinquere, e per alcune imputazioni è scattata la prescrizione.

Tutto ciò che ha creato grande scandalo per l'opinione pubblica nella vicenda T-red è caduto: i cittadini multati perché erano passati con il rosso e che chiedevano i danni non hanno avuto alcun risarcimento, perché il Tribunale ha ritenuto le accuse insussistenti e ha riconosciuto la regolarità degli impianti semaforici.

Il procuratore aggiunto aveva chiesto, invece, otto condanne fino a cinque anni.

Secondo le indagini, c'erano solo quattro secondi tra il giallo e il rosso dei semafori e nemmeno il decimo di secondo, dovuto, tra il rosso e lo scatto del fotogramma che rilevava l'infrazione.

Una tesi che non è più stata nemmeno coltivata nel processo».

Quello dei T-red, secondo quanto sosteneva l'accusa, era un sistema congegnato in maniera illecita per portare nella casse dell'amministrazione comunale di Segrate oltre 2,4 milioni di euro di multe.

Le indagini partite da Segrate si erano poi estese a una trentina di altri comuni italiani, sparsi da nord a sud per presunti illeciti contestati fino all'autunno del 2008.

Centinaia e centinaia, sempre stando alle indagini, gli automobilisti multati dai T-red.

Circa 150, invece, quelli che si sono costituiti parti civili nel processo che si è chiuso lunedì in primo grado. E che non hanno avuto, come al solito, niente.

4 febbraio 2014 · Andrea Ricciardi

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , ,

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su semaforo t-red con il trucco? » niente rimborso. Clicca qui.

Stai leggendo Semaforo t-red con il trucco? » niente rimborso Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 4 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe da autovelox t-red tutor photored telelaser scout speed Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca