Liquidazione del danno in via equitativa per segnalazione illegittima

Se il danno però non può essere provato nell'esatto ammontare, o nel caso sia molto difficile provare il pregiudizio, pur essendone certa l'esistenza, si può chiedere al giudice una liquidazione in via equitativa.

A parere dei giudici di piazza Cavour, infatti: La valutazione in via equitativa si ha quando un danno non può essere determinato nel suo preciso ammontare; in tal caso il giudice segue un criterio più discrezionale, secondo quanto a questi stesso appare congruo ed equo, alla luce dell'esperienza pratica.

Conclusioni

Per concludere è bene notare che prima della segnalazione alla Centrale rischi, l'Istituto di credito deve sempre inviare una comunicazione al cliente con raccomandata a/r.

Se la banca agisce diversamente, la segnalazione è illegittima e si può chiedere il risarcimento.

L'istituto non può, prima di revocare gli affidamenti, segnalare i propri clienti con saldi negativi alla Centrale rischi.

Tale comportamento non è lecito e non risponde ai canoni di diligenza professionale, codificati nelle regole emanate dalla Banca d'Italia.

Il che comporta, per la Banca, una responsabilità.

2 novembre 2013 · Andrea Ricciardi

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su liquidazione del danno in via equitativa per segnalazione illegittima . Clicca qui.

Stai leggendo Liquidazione del danno in via equitativa per segnalazione illegittima Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 2 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 14 gennaio 2017 Classificato nella categoria le centrali rischi della banca d'italia - cr e cai . Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi Numero di commenti e domande: 2

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Contenuti suggeriti da Google

Altre info