Se la legge non tutela il debitore, il debitore si tuteli da solo

Non è accaduto nulla di irreparabile: la legge non la tutela in niente, ma potrà tutelarsi da sola.

Non risponda più alle sollecitazioni delle finanziarie, attenda le decisioni del Tribunale di Latina.

Quando riprenderà il lavoro si troverà probabilmente pignorato un quinto dello stipendio da un creditore. Questa è la misura massima per tutti i debiti di natura finanziaria che lei ha assunto.

Quindi, se lei smetterà di pagare anche gli altri creditori, questi non potranno fare alto che attendere che il primo rientri di quanto necessario e poi accodarsi per poter soddisfare la propria pretesa.

La metta così: ha chiesto ed ottenuto una razionalizzazione del suo debito. Una sola rata, di importo sostenibile e pari al 20% dello stipendio netto.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

19 settembre 2010 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su se la legge non tutela il debitore, il debitore si tuteli da solo. Clicca qui.

Stai leggendo Se la legge non tutela il debitore, il debitore si tuteli da solo Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 19 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca