Introduzione della seconda raccomandata di avviso in caso di temporanea irreperibilità del destinatario per notifica postale

Quanto alle novità introdotte, dobbiamo rilevare che la legge N.31/2008, attraverso l'articolo 36 comma 2 quater ha aggiunto all'articolo 7 della Legge 890/82 un nuovo comma, il numero 6, che così recita:Se il piego non viene consegnato personalmente al destinatario dell'atto, l'agente postale da notizia al destinatario medesimo dell'avvenuta notifica dell'atto a mezzo di lettera raccomandata.

La stessa Legge numero 31 del 2008 al comma 2 quinqiues dell'articolo 36 ha invece previsto che: "La disposizione di cui al comma 2-quater si applica ai procedimenti di notifica effettuati, ai sensi dell'articolo 7 della citata legge 20 novembre 1982, numero 890, a decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Le notifiche delle sentenze già effettuate, ai sensi dell'articolo 7 della citata legge numero 890 del 1982, alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto non producono la decorrenza del relativo termine di impugnazione se non vi è stata consegna del piego personalmente al destinatario e se è provato che questi non ne ha avuto conoscenza". E inoltre: "La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale".

Tale pubblicazione come noto è stata effettuata nella Gazzetta Ufficiale numero 51 del 29 febbraio 2008 numero 47 Supplemento Ordinario. Quindi per quanto attiene ai tempi di attuazione, si evince che l'obbligo per l'Agente Postale, previsto dall'articolo 7, comma 6, della legge numero 890 del 1982, decorre dal 1 marzo 2008.

Pertanto:

  1. in caso di rifiuto di ricevere la busta verde o di firmare il registro di consegna da parte di persone abilitate alla ricezione ovvero in caso di mancato recapito per temporanea assenza del destinatario o per mancanza, inidoneità o assenza delle persone abilitate, l'ufficio postale dovrà data notizia al destinatario medesimo con raccomandata con avviso di ricevimento;
  2. l'atto potrà essere ritirato presso l'ufficio postale dal destinatario anche dopo i dieci giorni (fino a sei mesi) di deposito (giacenza);
  3. resta fermo che la notifica dell'atto si intenderà perfezionata, trascorsi i dieci giorni di giacenza presso l'ufficio postale, anche se il destinatario non provvederà al ritiro dello stesso (compiuta giacenza).

28 settembre 2011 · Chiara Nicolai

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info



Cerca