Ricorso al verbale di multa innanzi al giudice di pace - pagamento del contributo unificato

Il valore della causa equivale alla sanzione intera (o alla somma delle sanzioni intere, se più verbali sono inclusi nel medesimo ricorso). In altre parole, è la sanzione minima (se pagata entro 60gg dalla notifica), moltiplicata per due, oltre le spese di notifica, se ce ne sono.

Ad esempio, se la sanzione è di  Euro 155 euro + Euro 5,50 di spese di notifica, il valore della causa sarà di Euro 315,50 (155 x 2 + 5,50).

Per i dettagli sulle modalità di versamento vedi  il sito dell'Agenzia delle Entrate.

L'importo del contributo unificato è determinato in base al valore della causa:
- ricorsi sino a € 1.033 si paga solo il contributo unificato;
- ricorsi di valore superiore € 1.033,01 si paga il contributo unificato e la marca da bollo;

N.B. Nel caso in cui manchi la dichiarazione di valore sul ricorso, il contributo unificato è quello massimo!

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ricorso al verbale di multa innanzi al giudice di pace - pagamento del contributo unificato. Clicca qui.

Stai leggendo Ricorso al verbale di multa innanzi al giudice di pace - pagamento del contributo unificato Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 27 settembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze della Corte Costituzionale del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca