Nuove norma sulla cancellazione dalle centrali rischi delle segnalazioni introdotte dal decreto sviluppo

Al momento della regolarizzazione dei pagamenti, le segnalazioni sui ritardi inserite nelle banche dati devono essere cancellate entro cinque giorni lavorativi da intermediari e banche se relative al mancato pagamento di un numero di rate mensili inferiore a sei o di un'unica rata semestrale.

E' quanto previsto all'articolo 8-bis del Decreto Sviluppo, convertito definitivamente in legge in data 7 luglio 2011.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo la cortesia di voler contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità o per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nuove norma sulla cancellazione dalle centrali rischi delle segnalazioni introdotte dal decreto sviluppo. Clicca qui.

Stai leggendo Nuove norma sulla cancellazione dalle centrali rischi delle segnalazioni introdotte dal decreto sviluppo Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 6 ottobre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 16 marzo 2017 Classificato nella categoria legittimità iscrizione del debitore in centrale rischi Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

cerca