Scenari per una debitrice che adesso vive all'estero

 Da un anno sono andata a vivere all'estero (fuori UE) per cercare altre possibilità, dopo una situazione economica difficile in Italia. Purtroppo ho dovuto utilizzare le mie carte di debito e credito italiane, acquistando merci per valore di 2.500 euro circa. La situazione comunque non è migliorata visto che in questo paese non trovo lavoro e non riesco a pagare i debiti delle mie carte. Se dovessi rientrare in Italia, potrei avere dei problemi? E se dovessi poi uscire di nuovo dall'Italia, che problemi potrei avere? Intendo dire, mi potrebbero fermare all'aeroporto?
Grazie della gentile attenzione.  Martina

risponde antonio iuri donati

Potrebbe avere problemi ad accedere ulteriormente al credito, questo sicuramente in Italia, ma anche all'estero! Specie se all'interno dell'UE. Difatti grazie al cross-bording transnazionale (la condivisione delle banche dati), i dati sui ritardi di pagamento circolano fra SIC italiani ed esteri.

Non ha nulla da temere per quanto riguarda la Sua libertà personale, la galera per debiti è stata abrogata - in Italia ed in Europa - da molto tempo.

Rischia invece un procedimento di recupero crediti internazionale, ma visto l'importo tutto sommato non elevatissimo, e le difficoltà delle procedure in questi casi,  le probabilità sono modeste.

Per fare una domanda sul come difendersi dalle società di recupero crediti e dagli agenti esattoriali, sui debiti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

9 maggio 2010 · Tullio Solinas

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su scenari per una debitrice che adesso vive all'estero.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.