Sanzioni tributarie non penali - principi e regole

1. Principi e regole di applicazione delle sanzioni tributarie
2. Come sono irrogate le sanzioni tributarie
3. L'irrogazione immediata delle sanzioni tributarie

Principi e regole di applicazione delle sanzioni tributarie

Per la violazione di un adempimento fiscale è prevista l'applicazione di una sanzione tributaria consistente, generalmente, nel pagamento di una somma di denaro ( "sanzione pecuniaria").
A questa possono aggiungersi, in determinati casi, sanzioni accessorie come, per esempio:

Le regole in base alle quali si applicano le sanzioni possono essere riassunte nei seguenti punti:

  1. le sanzioni hanno carattere personale e riguardano solo chi ha commesso l'infrazione (principio di personalità); le sanzioni, quindi, non si trasmettono agli eredi.
  2. la somma irrogata a titolo di sanzione non produce in nessun caso interessi.
  3. nessuno può essere assoggettato a sanzioni se non in forza di una legge entrata in vigore prima della commissione della violazione (principio di irretroattività).
  4. le leggi intervenute dopo il fatto si applicano se più favorevoli al contribuente (principio del favor rei), a condizione che il provvedimento di irrogazione non sia divenuto definitivo. Perciò, se il fatto commesso non è più qualificato come illecito da una norma successiva, le sanzioni non saranno più applicabili, a meno che non siano già divenute definitive. In questo caso, se rimane un debito residuo (cioè, la sanzione è già stata pagata in parte), questo si estingue, ma quanto versato non sarà restituito. Se la nuova norma punisce il fatto con una sanzione più mite, si applica quest'ultima, sempre che il provvedimento di irrogazione non sia divenuto definitivo.
  5. non può essere assoggettato a sanzione chi, al momento in cui ha commesso il fatto, non aveva la capacità di intendere e di volere in base ai criteri indicati nel codice penale (principio di imputabilità) né coscienza e volontà della propria condotta (dolo o colpa).
  6. se l'autore della violazione ha agito nell'interesse di una società o ente con personalità giuridica, quest'ultimo soggetto è responsabile del pagamento della sanzione. Ad esempio, in caso di violazione commessa dall'amministratore, in base al "principio della riferibilità esclusiva alla persona giuridica" è responsabile la società, nei cui confronti verrà emessa la sanzione.
  7. le sanzioni non si applicano:
    • nei casi di obiettiva incertezza sulla portata delle disposizioni;
    • quando la violazione deriva da equivocità dei modelli o delle richieste di informazioni dell'Amministrazione finanziaria;
    • quando le violazioni derivano da ignoranza della legge tributaria non evitabile.
  8. non sono punibili le violazioni che non arrecano pregiudizio all'esercizio delle azioni di controllo e non incidono sulla determinazione della base imponibile, dell'imposta e sul versamento dei tributi.
  9. non è punibile il fatto commesso per causa di forza maggiore.
  10. in caso di concorso di più violazioni o di violazioni continuate, anche in tempi diversi, si applica un'unica sanzione. In particolare, se le violazioni riguardano un solo periodo d'imposta, la sanzione è determinata applicando quella prevista per la violazione più grave, aumentata da un quarto al doppio. Se la violazione rileva rispetto a più tributi, la sanzione base viene preventivamente aumentata di un quinto. Se, invece, violazioni della stessa natura vengono commesse in più periodi d'imposta, si applica la sanzione prevista per la violazione più grave aumentata dalla metà al triplo. In ogni caso, la sanzione concretamente irrogata non può essere superiore a quella risultante dal cumulo delle sanzioni previste per le singole violazioni commesse.
  11. le sanzioni sono ridotte anche in caso di ravvedimento spontaneo ( "ravvedimento operoso"), di accettazione della sanzione o di rinuncia a impugnazioni e ricorsi (in acquiescenza, accertamento con adesione e conciliazione), secondo le specifiche normative.
  12. le sanzioni devono essere sempre adeguate all'effettivo danno subito dall'erario e all'entità soggettiva e oggettiva delle violazioni, in modo da assicurare uniformità di disciplina per violazioni analoghe. Se circostanze eccezionali rendono manifesta la sproporzione tra l'entità del tributo cui la violazione si riferisce e la sanzione, questa può essere ridotta fino alla metà del minimo.

Come sono irrogate le sanzioni tributarie

La sanzione amministrativa e le sanzioni accessorie sono irrogate dall'ufficio o dall'ente competente all'accertamento dei tributi cui le violazioni si riferiscono.
L'atto di contestazione deve indicare, a pena di nullità:

Se nella motivazione dell'atto di contestazione si fa riferimento a un altro documento non conosciuto o ricevuto dal trasgressore, questo deve essere allegato all'atto che lo richiama, salvo che quest'ultimo non ne riproduca il contenuto essenziale.

Entro il termine previsto per proporre ricorso, il contribuente (o gli obbligati in solido) può definire la controversia con il pagamento di un terzo della sanzione indicata nell'atto. In questo caso, non possono essere irrogate eventuali sanzioni accessorie.

In alternativa, entro lo stesso termine, il contribuente può presentare deduzioni difensive. In mancanza, l'atto di contestazione si considera provvedimento di irrogazione, impugnabile in Commissione tributaria.

L'impugnazione immediata non è ammessa e, se proposta, diviene improcedibile, quando si presentano deduzioni difensive. In pratica, l'atto di contestazione cambia natura in seguito al comportamento del contribuente e, dal momento in cui questi presenta le sue deduzioni, non è più in nessun senso atto di irrogazione sanzioni.

L'atto di contestazione deve inoltre contenere:

Quando sono state proposte deduzioni difensive, l'ufficio ha da quel momento un anno di tempo per irrogare le sanzioni con atto motivato, anche in relazione alle deduzioni stesse. Tuttavia, per evitare che le misure cautelari adottate perdano efficacia, il provvedimento di irrogazione deve essere notificato entro 120 giorni dalla data di presentazione delle deduzioni difensive.



L'irrogazione immediata delle sanzioni tributarie

In deroga al procedimento sopra descritto, le sanzioni collegate al tributo cui si riferiscono sono irrogate, senza contestazione preventiva, con atto contestuale all'avviso di accertamento o di rettifica, motivato a pena di nullità. Anche in questo caso, il contribuente (o l'obbligato in solido) può definire il provvedimento, entro il termine previsto per la proposizione del ricorso, pagando un terzo della sanzione irrogata.

La definizione può riferirsi esclusivamente alle sanzioni senza acquiescenza rispetto al tributo (che, invece, comporta, oltre alla riduzione delle sanzioni, la rinuncia all'impugnazione e la definitività del provvedimento di accertamento).

Possono essere irrogate mediante iscrizione a ruolo, senza previa contestazione, le sanzioni per omesso o ritardato pagamento dei tributi, anche se risultanti da controlli automatizzati o formali delle dichiarazioni presentate dai contribuenti. Per queste sanzioni, non è ammessa la definizione agevolata.

Omessa fatturazione e registrazione operazioni imponibili Sanzione dal 100% al 200% dell'imposta relativa al corrispettivo non fatturato o all'imponibile non registrato (con un minimo di 516 euro). . Sanzioni per omessa fatturazione e registrazione operazioni non imponibili o esenti Sanzione dal 5% al 10% del corrispettivo non fatturato o non registrato (con un minimo di 516 euro). . Sanzioni per omessa, o infedele Comunicazione annuale dati IVA Sanzione da 258 euro a 2.065 euro. . Sanzioni per mancata emissione o emissione per importi inferiori delle ricevute fiscali, scontrini fiscali o documenti di trasporto Sanzione del 100% dell'imposta corrispondente all'importo non documentato e, comunque,non inferiore a 516 euro. . Sanzioni per omessa o infedele Dichiarazione d’intento Sanzione dal 100% al 200% dell'imposta se il contribuente, successivamente alla violazione, ha effettuato operazioni in sospensione d’imposta; sanzione da 258 euro a 2.065 euro se il contribuente, successivamente alla violazione, non ha effettuato operazioni in sospensione d’imposta. . IMPOSTE SUI REDDITI ED IVA Sanzioni per omessa tenuta o conservazione della contabilità Sanzione da 1.032 euro a 7.746 euro - Le sanzioni sono raddoppiate se dalle irregolarità emergono evasioni dei tributi diretti e dell'Iva complessivamente superiori, nell’esercizio, a 51.645,69 euro. . IMPOSTA DI REGISTRO Sanzioni per omissione della richiesta di registrazione Sanzione dal 120% al 240% dell'imposta dovuta. . Sanzioni per insufficiente dichiarazione di valore Sanzione dal 100% al 200% della maggiore imposta. . Sanzioni per occultazione di corrispettivo Sanzione dal 200% al 400% della differenza d’imposta (detratta l’eventuale sanzione per insufficiente dichiarazione di valore). . IMPOSTE IPOTECARIE E CATASTALI Sanzioni per omessa richiesta di trascrizione o di annotazioni obbligatorie Sanzione dal 100% al 200% dell'imposta; se soggetta a imposta fissa, sanzione da 103 a 2.065 euro. . IMPOSTA DI BOLLO Sanzioni per omesso o insufficiente pagamento Sanzione dal 100% al 500% dell'imposta o della maggiore imposta. . OBBLIGHI DEI SOSTITUTI DI IMPOSTA Sanzioni per omessa presentazione della dichiarazione Sanzione dal 120% al 240% delle ritenute non versate con un minimo di 258 euro, oltre a 51 euro per ogni percipiente non indicato (se le somme dovute e non dichiarate sono state integralmente versate, la sanzione è da 258 a 2.065 euro oltre 51 euro per ogni percipiente non indicato). . Sanzioni per dichiarazione infedele Sanzione dal 100% al 200% delle ritenute non versate riferibili alla differenza con un minimo di 258 euro, se i compensi, interessi e altre somme dichiarate sono inferiori a quelli accertati, oltre a 51 euro per ogni percipiente non indicato. . COMPENSAZIONI DI CREDITI INESISTENTI NEL MODELLO F24 Sanzioni per indebito utilizzo in compensazione Sanzione dal 100% al 200% del credito inesistente - la sanzione è applicabile per le compensazioni effettuate a decorrere dal 29.11.2008; la sanzione è del 200% del credito inesistente se gli importi compensati superano 50.000 euro per anno solare; la sanzione si applica a tutti i crediti per imposte e contributi che possono essere utilizzati in compensazione per eseguire i versamenti. La sanzione è applicabile per le compensazioni effettuate a decorrere dall'11 febbraio 2009 Il termine di scadenza per l'accertamento della violazione è per questa ipotesi fissato al 31 dicembre dell'ottavo anno successivo a quello di utilizzo del credito. La sanzione non si applica per i crediti spettanti ma utilizzati in compensazione in misura eccedente l'importo fissato dalla legge, come, ad esempio, per i crediti spettanti ma utilizzati in compensazione in misura eccedente l'importo di 516.456,90 euro; per tale violazione continua ad applicarsi la sanzione relativa all'omesso versamento. . MONITORAGGIO FISCALE Sanzioni per omessa compilazione sezione I - Modulo RW Sanzione dal 5% al 25% degli importi non dichiarati, quando l'ammontare complessivo è superiore, nel periodo d'imposta, a 10.000 euro, con la confisca dei beni di corrispondente valore. . Sanzioni per omessa compilazione sezione II - Modulo RW Sanzione dal 10% al 50% degli importi non dichiarati, con la confisca dei beni di corrispondente valore per le violazioni commesse dal 5.8.2009. . Sanzioni per omessa compilazione sezione III - Modulo RW Sanzione dal 10% al 50% degli importi non dichiarati per le violazioni commesse dal 5.8.2009. . TUTTI I TRIBUTI AD ESCLUSIONE DI QUELLI ISCRITTI A RUOLO Sanzioni per omesso versamento delle imposte (saldo o acconto - periodici) Sanzione pari al 30% dell'imposta dovuta. . TUTTI I TRIBUTI Sanzioni per omessa dichiarazione Sanzione dal 120% al 240% dell'imposta dovuta con un minimo di 258 euro da 258 euro a 1.032 euro, se non sono dovute imposte. La sanzione è raddoppiabile per i soggetti tenuti alle scritture contabili. . Sanzioni per dichiarazione infedele Sanzione dal 100% al 200% della maggiore imposta o della differenza di credito. . Sanzioni per mancata ottemperanza a richieste di Uffici finanziari o Guardia di finanza Sanzione da 258 euro a 2.065 euro. .

29 agosto 2013 · Giorgio Valli

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , ,

sanzioni tributarie e civili

Approfondimenti e integrazioni

Assistenza gratuita briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sanzioni tributarie non penali - principi e regole. Clicca qui.

Stai leggendo Sanzioni tributarie non penali - principi e regole Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 29 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 marzo 2017 Classificato nella categoria sanzioni tributarie e civili Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca