Sanzioni Amministrative e dati del conducente - Il fatto

Un automobilista non ottemperava, entro 60 giorni, all'invito di fornire le indicazioni sui dati personali e sulla patente di colui che, alla guida del suo veicolo, aveva violato il codice della strada.

Aveva così ricevuto la multa di 284 euro per mancata comunicazione dei dati del conducente.

L'uomo aveva effettuato ricorso al giudice di pace.

In seguito, visto il mancato accoglimento delle sue richieste, aveva proposto ricorso per cassazione.

Ma anche la Corte di Cassazione non riteneva fondate le sue argomentazioni.

Questo, in base a quanto stabilito dalla Corte Costituzionale, che con la sentenza numero 27/2005, ha sancito che nel caso in cui il proprietario ometta di comunicare i dati personali e della patente del conducente, trova applicazione la sanzione pecuniaria di cui all'articolo 180 C.d.S., comma 8.

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sanzioni amministrative e dati del conducente - il fatto .

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.