Sanzioni amministrative e dati del conducente - il proprietario deve conoscere l'identità dei soggetti ai quali affida la conduzione del veicolo

Purtroppo per lei, il proprietario deve conoscere l'identità dei soggetti ai quali affida la conduzione, per evitare l'incapacità di identificazione.

Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la pronuncia 5585/13, ha stabilito che: In tema di violazioni al codice della strada, integra l'ipotesi di illecito amministrativo previsto dal combinato disposto degli articoli 126 bis e 180 C.d.S. l'omessa collaborazione che il cittadino deve prestare all'autorità amministrativa al fine di consentirle l'attuazione del necessari e previsti accertamenti per l'espletamento dei servizi di polizia stradale.

L'ipotesi dell'illecito amministrativo previsto dal disposto dell'articolo 126 bis C.d.S., comma 2 (concetto che vale anche per l'articolo 164 legge numero 286 del 2006), va intesa nel senso che il legislatore ha ritenuto di sanzionare l'omissione della collaborazione che il cittadino, e, in particolare, il proprietario del veicolo in quanto titolare della disponibilità di esso e quindi responsabile dell'immissione dello stesso nella circolazione, deve prestare all'autorità preposta alla vigilanza sulla circolazione stradale al fine di consentirle di procedere agli accertamenti necessari per l'espletamento dei servizi di polizia amministrativa e giudiziaria, dovendosi tener conto che la violazione delle norme del C.s. può assumere rilevanza non solo amministrativa ma anche penale.

Pertanto, il proprietario del veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti delle pubbliche amministrazioni non meno che dei terzi, è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione, onde dell'eventuale incapacità di identificare detti soggetti necessariamente risponde, nei confronti delle une per le sanzioni e degli altri per i danni, a titolo di colpa per negligente osservanza del dovere di vigilare sull'affidamento in guisa da essere in grado di adempiere al dovere di comunicare l'identità del conducente.

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sanzioni amministrative e dati del conducente - il proprietario deve conoscere l'identità dei soggetti ai quali affida la conduzione del veicolo. Clicca qui.

Stai leggendo Sanzioni amministrative e dati del conducente - il proprietario deve conoscere l'identità dei soggetti ai quali affida la conduzione del veicolo Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 29 marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe ricorsi e sinistri - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca