Attendere che il debito sia venduto a recupero crediti per richiedere saldo stralcio

Per quel che riguarda la casa siamo molto lontani, per ora, da cifre che possano giustificare provvedimenti come l'iscrizione ipotecaria.

Tuttavia non bisogna riporre eccessiva sicurezza nella circostanza che la casa sia in comproprietà.

Questo in prospettiva.

Per quanto attiene lo stipendio, calcoli la metà di quello che percepisce, al netto delle ritenute fiscali e contributive.

L'eccedenza rispetto alle quote cedute (cessione quinto, non il prestito delega), rappresenta l'importo comunque pignorabile dal creditore.

Il suo contratto di prestito verrà, prima o poi ceduto ad una società di recupero crediti.

Con la quale potrà, se lo ritiene, raggiungere un accordo transattivo a saldo stralcio.

10 gennaio 2013 · Ludmilla Karadzic

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

, , , , , , , , , , , , , , , ,

Assistenza gratuita, briciole di pane e commenti

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su attendere che il debito sia venduto a recupero crediti per richiedere saldo stralcio. Clicca qui.

Stai leggendo Attendere che il debito sia venduto a recupero crediti per richiedere saldo stralcio Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 10 gennaio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


cerca