Società a responsabilità limitata a capitale ridotto - I contro

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

  1. Non gode di sconti in sede di nascita, sia quanto a tasse ed imposte, sia quanto ad onorario notarile: costa quanto una srl ordinaria;
  2. È discusso se sia consentita la partecipazione di soggetti con meno di 35 anni, anche se la maggior parte dei commentatori della prima ora propende per il sì;
  3. Non può dotarsi di un capitale superiore a 9.999,99 Euro;
  4. Il capitale potrà essere versato solo con apporti in danaro (ad esempio non si potrà, in mancanza di liquidi, apportare la sola propria opera o competenza professionale, oppure la proprietà di un bene immobile).
  5. Quanto meno consistente è il capitale, tanto più si potranno incontrare difficoltà di accesso ai finanziamenti, per cui le banche potrebbero chiedere, in aggiunta, fideiussioni personali dei soci, così vanificando il beneficio della responsabilità limitata alla partecipazione sociale sottoscritta.

Quindi, in soldoni, il consiglio che possiamo dare per chi volesse approcciarsi alla costituzione di una società di capitali, è di utilizzare la formula della SRL classica piuttosto che la SRLCR, in modo da avere maggiore “credibilità e solidità economica”, e di utilizzare tale modello societario solo per i passaggi dalla SRL semplificata per i soci che superano i 35 anni.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.