La rottamazione conviene anche se si hanno crediti con la PA - una bella trovata, molto vicina all'estorsione

Attenzione » il contenuto dell'articolo è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento in fondo alla pagina, oppure qui.

Verranno direttamente contattati da Equitalia, invece, i soggetti che vantano crediti con la PA per la fornitura di beni e servizi, ma che hanno anche cartelle esattoriali da pagare. Perché? In base alla legge (articolo 48-bis, dpr 602/1973) la PA debitrice, comunque, prima di effettuare il pagamento dei beni e dei servizi che le sono stati forniti, deve verificare la presenza di eventuali debiti con lo Stato di importi superiori a 10 mila euro. Ed allora, potrebbe risultare conveniente per il cittadino saldare, con la rottamazione, i propri debiti verso la PA, prima di tentare la strada della compensazione. Il premio? La PA debitrice potrà così procedere al pagamento dei beni e dei servizi che le sono stati forniti, nei tempi previsti, senza ritardi dovuti ai tempi tecnici legati alle operazioni di compensazione. Il rischio? Quello classico. Il fornitore di beni e servizi rottamerà le proprie cartelle esattoriali ma potrebbe non ricevere il corrispettivo per i beni e i servizi già forniti alla PA. Come si dice a Napoli, "Cornuti e mazziati ..."

23 gennaio 2014 · Simone di Saintjust

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.