Simone di Saintjust

Lei ci riferisce dell'impossibilità di ottenere un prestito dalla banca per far fronte, suppongo, alla prima rata del piano di rientro concordato con Equitalia.

Poi però mette in relazione questo problema con il mancato pagamento delle rate del mutuo.

Qual è il nesso logico? "Non risolvo il problema con Equitalia, non lavoro perchè non sono tranquilla, non pago le rate del mutuo?".

Con la seconda rata della dilazione Equitalia, però, se l'interpretazione è corretta, si creerebbe un altro circolo vizioso, senza contare il fatto che bisognerebbe rientrare anche dell'ulteriore debito contratto con la banca.

Del mutuo nulla ci dice. Dell'immobile su cui grava il mutuo nemmeno: è unica proprietaria o lo è insieme a suo marito?

Lei sa che con Equitalia non si scherza. L'ipoteca, se il debito supera i 20 mila euro, incombe. E con essa l'espropriazione della casa. In questo scenario suo marito, a mio parere, non può non essere messo al corrente della situazione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.