Piero Ciottoli

La Commissione Tributaria adita le ha rigettato la richiesta di sospensiva, ma non è entrata nelle merito della questione da lei posta.

Ha solo ritenuto che dall'atto impugnato (iscrizione a ruolo dei seimila euro) non può derivarle un danno grave ed irreparabile.

Conosco la sentenza di Cassazione che lei cita, ma molte CTR si sono espresse, per quanto riguarda il ruolo, ritenendo che questo, finché non viene notificato al contribuente (e ciò avviene con la notifica della cartella esattoriale), non produce alcun effetto nei suoi confronti.

Ne consegue che il contribuente, che sia venuto a conoscenza della propria posizione debitoria attraverso una richiesta di accesso agli atti e visione dell'estratto di ruolo, non potrà impugnare quest’ultimo ma dovrà attendere la notifica della cartella esattoriale (che vale anche come notifica del ruolo).

Dunque bisognerà attendere la cartella esattoriale (non l'avviso di accertamento immediatamente esecutivo perchè i periodi d'imposta a cui si riferiscono gli importi richiesti sono antecedenti al 2007).

Prima della notifica delle cartelle esattoriali Equitalia, ovviamente, non potrà dare luogo a procedure di riscossione coattiva.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.