Marzia Ciunfrini

Potranno prelevare dalla sua pensione, al massimo, un quinto dell'importo netto del rateo mensile (quello già decurtato dagli aumenti prima concessi e poi revocati in virtù delle sentenze).

Per quanto attiene gli aspetti fiscali la cosa più semplice che l'INPDAP (sostituto d'imposta) possa fare è quella di calcolare l'IRPEF sull'imponibile già decurtato della trattenuta che andrà ad applicare per recuperare gli importi erogati e non dovuti.

In questo modo si realizzerà una sorta di compensazione con la maggiore IRPEF prelevata negli anni precedenti.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.