Simone di Saintjust

Nel caso in cui non sia noto il luogo di dimora ma lo sia quello in cui il destinatario di una notifica svolge la propria attività professionale, deve ritenersi inapplicabile la disciplina prevista dall'art. 143 c.p.c. che prevede il deposito dell'atto notificando alla casa comunale. Ciò perché l'art. 143 disciplina le situazioni di assoluta irreperibilità del destinatario e deve, quindi, essere considerata norma residuale.

Ne consegue che la notifica avvenuta mediante deposito alla casa comunale deve essere considerata nulla se il notificante conosceva o avrebbe potuto conoscere il luogo di lavoro del notificatario utilizzando l'ordinaria conoscenza (C.Cass. sent. n. 17903 del 30 luglio 2010).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.