Chiara Nicolai

Deve essere il creditore o chi per esso a notificare una comunicazione interruttiva dei termini di prescrizione. Non basta una presa visione formale del debitore.

Il caso a cui ci si riferiva, in questa lunghissima ed ormai estenuante discussione (che peraltro com'è stata condotta, risulta frammentata ed incomprensibile agli altri lettori) era relativo alla decadenza dei termini di opposizione ad un'azione esecutiva.

Dopo un formale accesso agli atti, si diceva, chi si accorge per la prima volta dell'esistenza di una cartella esattoriale che ritiene mai notificata, o notificata in violazione alla legge, deve ricorrere. Altrimenti, se confida che la cartella vada in prescrizione e resta inerte, non potrà più impugnare eventuali atti di escussione coattiva conseguenti a quella cartella (come un fermo amministrativo o l'iscrizione di ipoteca).

Quest'ultimo intervento chiude la discussione in maniera definitiva.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.