Chiara Nicolai

Tentativi, anche infruttuosi, di riscossione coattiva e comunicazioni di qualsiasi tipo notificate al debitore costituiscono, sempre, atti interruttivi della prescrizione.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.