Simone di Saintjust

Inutile piangere sul latte versato, avrebbe dovuto prendere atto dell'insostenibilità della sua situazione prima che arrivasse il pignoramento.

Le azioni esecutive del creditore procedente dipenderanno molto dal valore di mercato dell'immobile e dal debito residuo del mutuo.

Se c'è capienza, anche stimando il deprezzamento derivante dalla procedura d'asta, è probabile che vengano attivate le procedure di esproprio.

In questa evenienza è necessario procedere alla conversione del pignoramento, pagando i 6000 euro (più spese ed interessi) e sbarazzandosi quanto prima della proprietà.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.