Simone di Saintjust

La quota pignorabile è pari ad un quinto della pensione al netto delle ritenute.

Nel caso di cessioni e/o deleghe preesistenti alla notifica del pignoramento la quota pignorata non può eccedere la differenza fra metà dello stipendio/pensione al netto delle ritenute e l'importo già ceduto.

Inoltre, i crediti da pensione possono essere pignorati per debiti ordinari nella misura di un quinto Ma deve essere garantito al pensionato un residuo, al netto della quota pignorata, non inferiore al "minimo vitale".

Attualmente l'importo riconosciuto da alcuni giudici si aggira intorno ai 460 euro mensili. In pratica si prende a riferimento il trattamento minimo pensionistico.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.