Marzia Ciunfrini

In caso di malattia, il rapporto di lavoro per collaborazione a progetto risulta sospeso, senza erogazione del corrispettivo.

Ora, se per un errore di calcolo del corrispettivo le giornate di malattie sono state comunque pagate, il datore di lavoro può chiedere al lavoratore l'importo erogato e non dovuto.

Non credo che nel suo caso il datore di lavoro voglia contestarle le modalità di trasmissione del giustificativo o sanzionare l'assenza dal lavoro. Più probabilmente, si tratta, come già scritto, solo del recupero di importi erogati per i quali, ad un successivo approfondimento del contratto di lavoro, egli si è reso conto che non erano dovuti.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.