Ludmilla Karadzic

Sarebbe provocatorio, sterile, costoso, e dunque una soluzione peggiore del problema, consigliarle di eccepire legalmente la vessatorietà della clausola contrattuale da lei firmata.

Identico dilemma lo avrà l'agenzia qualora valutasse di riscuotere, per via giudiziale, il credito che asserisce di aver maturato.

Sulla base di queste considerazioni può non pagare in attesa di eventi che, molto probabilmente, non avranno modo di concretizzarsi.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.