Giorgio Valli

L'inclusione nella stessa famiglia anagrafica del suo compagno può essere giustificata solo dal fatto che egli abbia riconosciuto il/la figlio/a comune.

Altrimenti la convivenza può essere motivata, con dichiarazione sottoscritta da entrambi, da motivi di studio, lavoro o ospitalità e deve dar luogo a due famiglie anagrafiche (e quindi due nuclei familiari) distinte l'una dall'altra.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.