Giorgio Valli

Nel momento in cui il debitore può avvalersi della conversione del pignoramento la cifra da corrispondere è quella equivalente all'intero debito, comprensivo di spese ed interessi.

Un solo centesimo in meno, non blocca la procedura espropriativa.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.