Ludmilla Karadzic

Le banche svizzere, di solito, aprono conti correnti a soggetti italiani anche via e-mail, dopo una breve intervista effettuata via skype o similia. Non svolgono indagini sul merito creditizio, soprattutto se il correntista non chiede il rilascio di un libretto di assegni. La prassi è quella di rendere disponibile una carta ricaricabile on line, che può essere utilizzata, per i prelievi, sui POS dei circuiti internazionali e dunque anche in Italia.

Il problema è capire si il datore di lavoro è disponibile ad accreditarvi lo stipendio, visto il maggior costo del bonifico. Restano poi gli aspetti fiscali. Gli eventuali interessi attivi corrisposti sul conto corrente andrebbero denunciati in dichiarazione dei redditi.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.