Andrea Ricciardi

Bisognerebbe capire a cosa è imputabile la quota già pignorata,se il pignoramento è riferito a crediti speciali (erario) allora non è possibile operare altre trattenute.

Se invece il pignoramento è dovuto a debiti acquisiti con banche e/o finanziarie (crediti ordinari) allora la signora rischia il pignoramento di un altro quinto (al massimo) della pensione per spese di giustizia, che sono, appunto, di competenza erariale.

In questo caso, converrebbe valutare la possibilità di ottenere, prima dell'eventuale pignoramento, un prestito attraverso la cessione del quinto della pensione.

In tal modo si diminuirebbe la quota pignorabile per rimborsare le spese di giustizia.

Infatti, la somma del pignoramento per crediti ordinari e speciali, aumentata della quota ceduta, non può superare la metà della pensione netta, nè può determinare un residuo minore del minimo vitale (circa 500 euro/mese).

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.