Simone di Saintjust

Gentile signora, il trasferimento di sue esclusive proprietà a suo marito, nell'ambito di un accordo di separazione consensuale, in cambio di 350 euro mensili e successivo alla formazione di una debito erariale, è evidentemente finalizzato solo a sottrarre le sue proprietà dal pagamento delle tasse dichiarate ma non corrisposte. Quindi facilmente revocabile la parte dell'omologa di separazione che prevede tale trasferimento.

Ma senza andare troppo lontano e nel difficile, si potrebbe obiettare che il mancato pagamento delle tasse dovute è andato ad accrescere le disponibilità familiari, quindi anche quelle del suo ex marito (che era ancora marito quando lei dichiarava l'irpef ma non la pagava). A meno che lei non riesca a dimostrare di aver sperso l'Irpef, non corrisposta allo stato, in vacanze ai tropici in compagnia di un aitante gigolò.

Ma, e qui casca l'asino: in tale evenienza avrebbe meglio avvalorato quest'altra fantasiosa "boutade" con un accordo di separazione per colpa.

A pensarci bene, tuttavia, neanche se fosse stato per colpa, l'accordo, così come è stato congegnato, reggerebbe ad un giudizio di merito. Certo, può aggiungere che lei è generosa ed ha voluto gratificare un marito che l'ha resa felice. Lo stato le risponderà, e giustamente aggiungo, che prima deve pagare l'IRPEF (dovuta a tutta la comunità) e poi può liberamente essere generosa con chi crede.

E' stato un vero piacere leggerla. Non sono riuscito a trattenere il sorriso nel vedere come la racconta. Magari avessi conosciuto una come lei. La mia ex moglie, con l'accordo consensuale, mi ha mandato per stracci ...

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.